Archivi tag: Francia

Nuit et brouillard (1956) Alain Resnais

Per questo documentario, commissionato dal Comitè d’histoire della seconda guerra mondiale per il decennale della liberazione, Resnais unisce spezzoni tratti da archivi storici delle Forze alleate e sequenze a colori girate sui luoghi della deportazione. Innestando le parole di un ex prigioniero (il poeta e saggista Jean Cayrol, i cui testi sono letti nell’edizione originale da Michel Bouquet) e la musica lieve di Hanns Eisler sugli allucinati documenti custoditi dalla burocrazia militare, Resnais svela al mondo l’orrore, “per non dimenticare e per incitare alla vigilanza. Senza sosta”. Continua a leggere

Annunci

Le Noël du poilu (1915) Louis Feuillade

In trincea, il caporale Jean Renaud non può andare in congedo per il Natale, la moglie e la figlia Gilberte sono rimaste nel nord invaso dal nemico. Ora in Touraine, la signora Dartois, madrina del soldato, viene a sapere che la signora Renaud e sua figlia sono parte di un convoglio di rimpatriati attraverso la Svizzera. La signora Dartois attraverso le sue conoscenze fa in modo che John si liberi dai suoi obblighi e possa recarsi in licenza in una sua proprietà. Il soldato (“poilu” era il soprannome dei soldati francesi durante la Prima Guerra Mondiale) arriva e celebrerà il Natale con la moglie e la figlia. Continua a leggere

François Truffaut, une autobiographie (2004) Anne Andreu

Prodotto 20 anni dopo la morte di François Truffaut, questo documentario ne ripercorre le principali tappe della vita e della carriera attraverso le interviste di repertorio al regista, il backstage dei film principali, i ricordi dei collaboratori, della ex moglie e dei colleghi che l’hanno conosciuto e stimato. Una testimonianza (inedita in Italia) imperdibile per tutti gli appassionati di Truffaut e della nouvelle vague. Continua a leggere

Dieu a besoin des hommes (1950) Jean Delannoy

Tratto dal romanzo “Le recteur de Île de Sein” di Henry Queffelec. Nella selvaggia isoletta di Sein, battuta dalle tempeste dell’Atlantico, vive un gruppo di pescatori bretoni, fieri, appassionati e profondamente religiosi, nonostante sopravvivano della loro misera pesca e del saccheggio delle navi di cui provocano il naufragio attirandole con dei fuochi nelle notti di tempesta. Nessun parroco resiste di fronte all’ostinazione delle loro pervicaci pratiche predatorie. Continua a leggere

Le friquet (1914) Maurice Tourneur

Un clown di un circo trova una bambina abbandonata, la adotta e le insegna il proprio mestiere. Diventata grande viene emarginata dal direttore del circo e trova la protezione del sindaco del paese del quale lei si innamora non corrisposta. Un banchiere amico del sindaco si invaghisce di lei, rendendo la sua permanenza al castello del sindaco insopportabile. Perciò lei è costretta, aiutata dal clown, a riprendere la vecchia vita circense. Ma il destino è in agguato… Continua a leggere

La beauté du diable (1950) René Clair

Non soddisfatto della sua vita dedicata allo studio, il vecchio Faust ridiventa giovane firmando un patto col diavolo. Poi si riscatta e riuscirà a vincere il male con l’aiuto dell’amatissima Margherita. Scritto da Armand Salacrou, nonostante qualche scompenso e mistificazione intellettualistica, è un film ricco di intelligenza, ma senz’anima, salvato dal Mefistofele di M. Simon. Una favola in bilico tra lo scetticismo dell’intellettuale e il lirismo del poeta. (dal Morandini) Continua a leggere

Germinal (1913) Albert Capellani

Il giovane Étienne Lantier si fa licenziare per aver dato un ceffone al suo datore di lavoro. Parte alla ricerca di un nuovo impiego, si fa assumere alle miniere di Montsou e conosce una famiglia di minatori, innamorandosi della giovane Catherine. Questo attira la gelosia di Chaval, un operaio violento, e quando la crisi economica provoca un ribasso dei salari, Lantier incita i minatori allo sciopero… Continua a leggere

Le chat (1971) Pierre Granier-Deferre

In una vecchia casa destinata alla demolizione vive una vecchia coppia: Julien, tipografo in pensione, e Clémence, ex acrobata del circo. Il loro rapporto è ormai spento. I due non hanno figli e Julien finisce per affezionarsi a un gatto raccolto per strada. Clémence ne è talmente gelosa che ammazza la bestiola. L’uomo allora decide di andarsene in un alberghetto dove, in passato consumava squallidi adulteri. La padrona, Nelly, lo esorta continuamente a tornare a casa, dove la moglie sta molto male. (filmtv.it) Continua a leggere

La vieille dame indigne (1965) René Allio

Alla morte del marito la settantenne signora Berthe si ritrova “sola, senza obblighi, con mezzi modesti ma sufficienti”. Decide di godersi la vita con grande scandalo dei parenti. I suoi ultimi due anni saranno felici. Ispirato a un racconto di B. Brecht, questo 1° film di Allio è una delizia di equilibrio, scelta dei particolari, realismo, serenità luminosa. Col suo sguardo meravigliato sul mondo e la sua nuova disponibilità alla libertà, Louise Sylvie (1883-1970) ebbe la grande parte della sua lunga carriera. (dal Morandini) Continua a leggere

Toute la mémoire du monde (1957) Alain Resnais

Il documentario esplora tutta la complessa struttura architettonica e la gigantesca macchina organizzativa della Biblioteca Nazionale di Parigi. Non ne vengono mostrati solo gli aspetti monumentali e lo strutture logistiche più note e appariscenti, ma vengono descritti anche i luoghi segreti o apparentemente poco significativi, il lavoro minuzioso, metodico, misconosciuto, ma essenziale al funzionamento della grande “memoria” degli innumerevoli impiegati della “Nationale”. Così, accanto alle grandi statue rinascimentali e neoclassiche, alle grandi sale di lettura immerse nella luce filtrata dalle vetrate barocche e liberty, Resnais descrive i recessi bui delle cantine, gli stanzoni silenziosi e polverosi delle soffitte, i cantieri in cui si stanno costruendo le nuove ali dell’enorme edificio, il lavoro di accoglimento, catalogazione, schedatura, distribuzione dei nuovi e vecchi volumi depositati. (da mymovies.it) Continua a leggere