Archivi tag: Portogallo

Cerro negro (2012) João Salaviza

Cerro negro

Nel terzo cortometraggio di João Salaviza, componente quella che lui stesso definisce una “trilogia accidentale”, il regista esplora una dinamica vista da tre prospettive diverse: Allison è in carcere e non sa se potrà uscirne per Natale. È sua moglie Anajara a chiederglielo nel corso di una visita. Il loro bambino Iuri non c’è, lei gli dice che è a casa di un’amica perché non sta bene. Lui tenta di contattarlo barattando un pacchetto di sigarette con una tessera telefonica ma non gli sarà possibile parlargli.
Sono loro i primi due protagonisti: lui prigioniero di un carcere, lei di un’assenza e delle conseguenti difficoltà quotidiane. Il terzo protagonista del corto è l’autorità. (da rapportoconfidenziale.org) Continua a leggere

Annunci

Rafa (2012) João Salaviza

Rafa

In Rafa assistiamo a un’instantaea del percorso di crescita precoce di un tredicenne che vediamo recarsi dal suo quartiere alla perfiferia di Lisbona al posto di polizia in città, dove la madre è stata trattenuta dopo avere provocato un incidente guidando senza patente.
Rafa, il giovane protagonista, si comporta da maschio adulto: rassicura la sorella maggiore, ragazza madre di un bambino di pochi mesi, sottrae il denaro che gli serve per mangiare da alcuni zaini in uno skate park, parla disinvoltamente agli agenti di polizia come non avesse fatto altro nella vita. Continua a leggere

Arena (2009) João Salaviza

Arena

Mauro, un poco più che ventenne con una cavigliera che lascia intuire che si trovi agli arresti domiciliari, vive da recluso nel suo piccolo appartamento in un degradato complesso popolare, facendo tatuaggi ai ragazzini del vicinato.
Uno tra questi, insoddisfatto dal tatuaggio fattogli, decide di riprendersi i soli pagati aggredendo Mauro nel suo appartamento in compagnia di due amici suoi coetanei. Uscito dall’appartamento, Mauro non fatica a trovare due tra i tre quattordicenni per riavere i soldi rubati. (da rapportoconfidenziale.org)
Palma d’Oro per il miglior cortometraggio al Festival di Cannes 2009. Continua a leggere

Famalicão (1941) Manoel de Oliveira

Famalicao

Documentario giovanile del celebre regista lusitano Manoel de Oliveira (recentemente scomparso) che, con tocco lieve e con un tono sovente scherzoso, ci offre un dipinto della vita quotidiana di Vila Nova de Famalicão, una cittadina nel nord del Portogallo, nell’estate 1940 (quando nel resto d’Europa divampava ormai la guerra). Vediamo così la casa di Camilo Castelo Branco (uno dei più celebrati scrittori portoghesi, morto 50 anni prima), industrie, vendemmie, raccolti e una grande fiera con annesso mercato di bestiame. Continua a leggere

Aniki Bóbó (1942) Manoel de Oliveira

La vita quotidiana dei bambini nelle vie di Oporto. Due di loro si contendono le simpatie di una ragazzina il cui grande sogno è una bambola vista nella vetrina di un negozio. Primo lungometraggio narrativo di Manoel de Oliveira. C’è chi lo iscrive nel cinema neorealista, ma forse, nonostante le apparenze, è una storia di adulti trasposta nel mondo dell’infanzia. Grande sensibilità senza sentimentalismi. Il titolo è un grido infantile di richiamo. (dal Morandini) Continua a leggere

Histoire tragique avec fin heureuse (2006) Regina Pessoa

Non vi è mai sembrato di essere qualcosa di diverso da quello che siete? Forse a volte i miracoli avvengono. Continua a leggere