Archivi tag: Serbia

Dobra zena (2016) Mirjana Karanovic

dobra-zena

La cinquantenne Milena vive una vita tranquilla e prospera con Vlada, ex membro delle forze speciali di polizia durante le guerre nell’ex Jugoslavia – ora immobiliarista di successo – e i loro due figli. Dopo un check-up di routine, il medico sospetta il cancro, Milena trova una videocassetta con riprese della task force di Vlada mentre uccide civili durante la guerra. Si sforzerà di accettare l’accaduto, e di preservare l’unica cosa che ha nella vita, la sua famiglia. (da Cineuropa.org) Continua a leggere

Die Brücke am Ibar (2012) Michaela Kezele

Die Brucke am Ibar

Nel 1999, durante la guerra in Kosovo, Danica trova un soldato albanese gravemente ferito. Giovane vedova di origine serba e madre di due figli, Danica decide di aiutarlo e curarlo, correndo il rischio di mettere in pericolo la propria vita. (da filmtv.it) Continua a leggere

Dani (1963) Aleksandar Petrovic

Dani

La giornata di una donna sposata che non è riuscita a trovare un proprio ruolo nella vita. Incorre in una serie di situazioni che l’aiutano a scoprire se stessa, il senso della sua esistenza, il suo destino. La sua vita non è altro che lo specchio della sua profonda solitudine. Incontra un giovane, il cui padre sta per morire, e trascorre assieme a questi il pomeriggio, cercando di dare un nuovo senso e nuove forme a un’immagine sbiadita della vita.
Continua a leggere

Snijeg (2008) Aida Begic

Snijeg

La regista originaria di Sarajevo, capitale della Bosnia-Herzegovna, racconta la vita di un minuscolo e isolato villaggio, due anni dopo la fine della guerra, in cui gli unici uomini presenti sono un ragazzo e un vecchio. Presentato alla Berlinale 2009 nella sezione Generation e ha vinto diversi premi tra cui il premio della critica a Cannes, e il Woman & Equality Award a Tessalonica. Continua a leggere

Ljubavni slucaj ili tragedija sluzbenice P.T.T. (1967) Dusan Makavejev

Ljubavni slucaj

Tragicomica relazione tra una centralinista e un addetto alla derattizzazione. Comincia in modi idillici e poi si guasta. 2° film del serbo Dusan Makavejev, forse il migliore dei film realizzati in Yugoslavia prima dell’esilio in Francia all’inizio degli anni ’70. Contrassegnato da sconnessioni temporali (continui flashforward), dal ricorso a materiali estranei alla fiction (frammenti di cinegiornali, conferenze sul sesso nell’arte, una poesia sui topi) e da uno straniamento narrativo alla Brecht, ha il suo tema centrale nel conflitto tra libertà individuale e oppressione delle istituzioni pubbliche nell’ambito di una società socialista. Provocatorio in modo creativo, interessante, discontinuo. (dal Morandini) Continua a leggere